Copyright © Italiani a Barcellona -  2011-2020

Tutti i diritti riservati

  • Facebook Social Icon
  • Instagram Icona sociale
  • YouTube Social  Icon
  • Blogger Social Icon
  • Google+ Social Icon
  • Flickr Social Icon

La Street Art salverà Barcellona

14/01/2019

 

La parete di Juanjo Surace e Ru8icon1 presso l'Arnau Gallery, su Parallel.


 Al confine tra Ciutat Vella e Poble Sec un tempo c'era un teatro. Si chiamava Arnau, e oggi questo luogo è in attesa di rifiorire. Nel frattanto, sulla parete che guarda al Parallelo, germoglia invece, una volta al mese, un'opera di Street Art. L'Arnau Gallery è il luogo dove alcuni dei migliori street artist della città, e non soltanto, lasciano il proprio segno come un dono per tutti. Ad inaugurare ad arte questo 2019 ci pensano Juanjo Surace e Ru8icon, l'uno argentino e l'altro americano, che, reduci da una collaborazione negli Stati Uniti già, scelgono di portare un pezzo di Philadelpia nella Ciutat Condal.


 Juanjo e Ru8icon hanno infatti deciso di rappresentare una scena ispirata ad una immagine da loro catturata durante un viaggio di lavoro negli States, e animarla con alcuni personaggi in parte umani e in parte non. La collaborazione fra i due street artist (si tratta del muro numero 23 per Arnau Gallery, che organizza pareti qui dal novembre 2016), ha dato vita a una sequenza visiva estremamente dinamica e visivamente orginale. Vediamo lo scorcio di una strada di Philadelphia, che viene rappresentata con una peculiare soluzione spaziale.

 
E' una sequenza dove l'osservatore si interroga sulla natura esatta delle presenze ritratte. Il tema affrontato è in effetti quello della dipendenza, e delle dipendenze in generale, espressa in varie forme. Ad un primo sguardo notiamo come figure dei mostri accompagnino quelle umane, mentre una donna, che ricorre piú volte mentre cammina, appare come “guidata”, schiava del suo telefono, incapace di alzare lo sguardo, e accorgersi al contrario di quello che le sta accadendo accanto.

 Al centro compaiono altre due figure umane (accompagnate da altri mostri) piegate su sè stesse e abbandonate su un divano lasciato in strada. Il focus della scena (lunga in totale 16 metri e alta 2), è proprio questo, gli spettatori di fronte alla parete possono distinguere poi sullo sfondo negozi e locali che costituiscono un paesaggio urbano in perfetto stile americano. Il tutto viene descritto con colori brillanti e l'uso di pittura e bombolette spray insieme. L'opera è stata realizzata nell'arco di una settimana, e dovrebbere essere visibile solamente per un mese, quando verrà sostituita da una nuova collaborazione.

Il potere della Street Art è quello di captare l'attenzione di tutti indistintamente, non importa avere nozioni pregresse e non si deve pagare nessun biglietto per fruirla. Coloro che si troveranno a passare per questo luogo verranno sorpresi di fronte ad una composizione ricca di insoliti contenuti, sui quali forse è necessario fermarsi un attimo a riflettere. Veniamo sempre piú costantemente distratti dall'egemonia degli input provenienti dai nostri apparecchi telefonici, e da dipendenze di vario tipo su ogni fronte, mentre forse di tanto in tanto sarebbe il caso di alzare lo sguardo e interrogarsi sul significato di quello che accade intorno a noi. L'Arte ha questa maniera sincera di metterci di fronte alla nostra fallace natura di esseri umani, e di illustrarci come numerosi mondi possibili siano percorribili e possibili. L'importante è comunque sapere fermarsi a guardare. 


 


Diana Di Nuzzo

 

www.dianadinuzzo.com 

http://www.streetartbcn.com/arnau-gallery/

 

 

 

 

 

 

Please reload

Banner promozionale

LA TUA PUBBLICITÁ QUI